La Biblioteca Comunale di Erula, è entrata a far parte del Sistema Bibliotecario dei Comuni dell'Anglona e della Bassa Valle del Coghinas dal 2010.

Operatore Comes: Silvia Brundu

Contatti:

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Indirizzo: Via Giacomo Leopardi, 1 - 07030 Erula

Telefono: 3481566589

Skype: biblioteca.erula

Facebook: www.facebook.com/bibliotecacomunale.erula/

Orari di apertura

Lunedì 16:00-19:00
Martedì 09:30-12:30
Mercoledì 16:00-19:00
Venerdì 16:00-19:00

IL TERRITORIO

Erula è un piccolo paese di circa 800 abitanti. E' uno dei comuni più giovani d'Italia, infatti è stato istituito l'8 agosto 1988 ottenendo così l'autonomia da Perfugas. E' situato nell 'Anglona sud-orientale e confina con la Gallura e il Logudoro. Il territorio, di natura geologica granitica e trachitica, è ricoperto in parte dalla macchia mediterranea. Suggestivo è il panorama che si affaccia sulle montagne del Limbara, la roccia vulcanica di Monti Ruiu, il lago Coghinas e tutta la valle dell'Anglona. Nonostante faccia parte dell'Anglona il dialetto parlato è il gallurese. Questo perchè il paese è da secoli abitato da famiglie provenienti da Tempio Pausania, Aggius e Bortigiadas.

Panorama di Erula - Fotografia di Silvia Brundu

Sul monte La Sarra invece troviamo il Parco eolico di Sa Turrina Manna che sorge a quasi 700 m e ricade a cavallo tra il territorio comunale di Erula e quello di Tula. E' accessibile al pubblico grazie a un percorso con aree di sosta attrezzate con giochi per bambini e per picnic. Il parco di "Sa Turrina Manna" è oggi il più grande impianto del suo genere in Italia.

Parco eolico di Sa Turrina Manna - Fotografia di Silvia Brundu

LA STORIA

Il territorio di Erula è sicuramente di frequentazione antichissima. Lo conferma la presenza di numerosi nuraghi e domus de janas. Si hanno testimonianze umane fin dal neolitico ma non vi sono dati certi. Mancano infatti notizie sulla sua fondazione, mentre è certo che durante il medioevo apparteneva al Giudicato di Torres, nella Curatoria di Anglona. In seguito passò ai genovesi Doria. L'origine del toponimo Erula è incerto ma esistono varie ipotesi: una delle più conosciute è l'assonanza derivata dal nome della pianta Ferula. Potrebbe derivare anche dal nome del demone latino Erulus.

I MONUMENTI

I siti archeologici: Nel territorio di Erula sono presenti numerosi nuraghi.

Uno dei più conosciuti è sicuramente Il nuraghe Ispiene noto per il ritrovamento, fatto nel 1925 dall'archeologo Antonio Taramelli, di una navicella nuragica bronzea. Il reperto è uno dei più grandi nel suo genere ed è anche uno tra i più belli ritrovati in Sardegna. Attualmente è conservato nel Museo archeologico nazionale di Cagliari.

Nuraghe Ispiene - Fotografie di Silvia Brundu

Gli altri nuraghi presenti sono: Il nuraghe Sotgiu, Il nuraghe Erula, il nuraghe Basile, il nuraghe Sa toa, il nuraghe Puligosu, il nuraghe Nugareddu e il nuraghe Giacone, e il nuraghe Pubatta.
Nuraghe Pubatta - Fotografie di Silvia Brundu

Troviamo anche due Domus de Janas, quella di Fustilalzos e di Bulgunis.










Domus de Janas di Fustilalzos - Fotografie di Silvia Brundu

I monumenti: oltre alla Chiesa parrocchiale consacrata nel 1932 con il titolo "Nostra Signora del Sacro Cuore" e eretta a parrocchia nel 1963 con il titolo "Cuore Immacolato di Maria";

Chiesa Cuore Immacolato di Maria - Fotografie di Silvia Brundu

sono presenti anche due chiese campestri: sulla strada provinciale in direzione Chiaramonti, nella frazione di San Giuseppe, troviamo la chiesa dedicata a "San Giuseppe lavoratore".

Chiesa di San Giuseppe - Fotografia di Silvia Brundu

Mentre sulla strada provinciale in direzione Tula, nella frazione di Sa Mela, troviamo la chiesa dedicata a "San Giovanni Battista".

Chiesa di San Giovanni Battista - Fotografia di Silvia Brundu

Altra particolarità sono le statue di pietra della Via Crucis, scolpite in occasione del Simposio Regionale di Scultura quando, nel periodo estivo, per diversi giorni le strade del paese si animano di artisti che scolpiscono la pietra.

Alcune stazioni della Via Crucis - Fotografie di Silvia Brundu


SAGRE E SPETTACOLI

1 maggio: San Giuseppe.
Ultima domenica di Maggio: Cuore Immacolato di Maria, festa patronale.
24 giugno: San Giovanni Battista.
Luglio: Sagra della salsiccia.
Estate: Simposio Regionale di Scultura.
Ottobre/novembre: Festa della madonnina e dei giovani.

Per tutti i testi e le informazioni sono stati consultati i seguenti siti:
http://www.galanglonaromangia.it/comune_erula_sardegna_gal_anglona_romangia.php
http://www.comunedierula.it/
http://www.comunas.it/erula/
https://it.wikipedia.org/wiki/Erula

Copyright © 2011 Unione dei Comuni dell\'Anglona e della Bassa Valle del Coghinas. Tutti i diritti riservati.
Realizzazione Sito Web a cura di So.Se.Bi. Srl su piattaforma software Joomla!
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.